Congedo maternità e paternità: da 6 a 9 i mesi coperti da indennità, sale da 6 a 12 anni l’età del bambino. Adeguamento alle direttive (UE)

🟢CONGEDO MATERNITÀ E PATERNITÀ🟢

Novità per i congedi parentali: dal Cdm dello scorso mercoledì l’ok agli schemi dei decreti legislativi che recepiscono le direttive (UE): quella 2019/1158 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2019, relativa all’equilibrio tra attività professionale e vita familiare per i genitori e i prestatori di assistenza e che abroga la direttiva 2010/18/UE del Consiglio, e quella 2019/1152, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione europea.

Il fine è promuovere il miglioramento della conciliazione tra i tempi della vita lavorativa e quelli dedicati alla vita familiare per tutti i lavoratori che abbiano compiti di cura in qualità di genitori e/o di prestatori di assistenza, i cosiddetti caregivers, al fine di conseguire una più equa condivisione delle responsabilità tra uomini e donne e di promuovere un’effettiva parità di genere sia in ambito lavorativo, sia familiare.

🔷Ecco le novità:
🔹entra a pieno regime la nuova tipologia di congedo di paternità, obbligatorio e della durata di 10 giorni lavorativi fruibile dal padre lavoratore nell’arco temporale che va dai 2 mesi precedenti ai 5 successivi al parto, sia in caso di nascita sia di morte perinatale del bambino
🔹salgono da 10 a 11 mesi, la durata complessiva del diritto al congedo parentale spettante al genitore solo, nell’ottica di una maggior tutela per i nuclei familiari monoparentali;
🔹salgono da 6 a 9 in totale, i mesi di congedo parentale coperto da indennità nella misura del 30%, fermi restando i limiti massimi di congedo fruibili dai genitori;
🔹sale da 6 a 12 anni, l’età del bambino entro la quale i genitori, anche adottivi e affidatari, possono fruire del congedo parentale indennizzato.
🔸Novità anche per le lavoratrici autonome e le libere professioniste, per le quali il Dlgs estende il diritto all’indennità di maternità anche per gli eventuali periodi di astensione anticipata per gravidanza a rischio.
🔸Inoltre, priorità per il lavoro agile: i datori di lavoro pubblici e privati che stipulano accordi per l’esecuzione della prestazione di lavoro in modalità agile sono tenuti a dare priorità alle richieste formulate dalle lavoratrici e dai lavoratori con figli fino a 12 anni di età o senza alcun limite di età nel caso di figli in condizioni di disabilità. La stessa priorità è riconosciuta da parte del datore di lavoro alle richieste dei lavoratori che siano caregiver.

Visualizzazioni totali 493 , Visualizzazioni oggi 1 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *