Pensioni, regime transitorio per il 2023: Quota 103 con 62 anni e 41 di contributi, domande entro il 28 febbraio 2023. BOZZA Legge di Bilancio

Per il 2023 è previsto un regime transitorio in tema di pensioni. E’ stata inserita dal governo in una bozza della manovra la Quota 103, pensione anticipata con 62 anni di età e 41 di contributi.

In via sperimentale per il 2023, gli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria e alle forme esclusive e sostitutive della medesima, gestite dall’Inps, nonché alla gestione separata “possono conseguire il diritto alla pensione anticipata al raggiungimento di un’età anagrafica di almeno 62 anni e di un’anzianità contributiva minima di 41 anni”, definita ‘pensione anticipata flessibile’, si legge nel testo.

Per docenti e Ata le domande potranno essere presentate entro il 28 febbraio 2023 con effetti a partire dall’anno scolastico successivo.

Il diritto conseguito entro il 31 dicembre 2023 può essere esercitato anche successivamente.

Il trattamento di pensione anticipata è riconosciuto per un valore lordo mensile massimo non superiore a cinque volte il trattamento minimo previsto a legislazione vigente.

Visualizzazioni totali 353 , Visualizzazioni oggi 1 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *