Inclusione allievi con BES: il ruolo del collegio dei docenti

La scuola italiana è per definizione una scuola inclusiva. La nostra Costituzione afferma il principio che deve essere diffusa sul territorio, aperta a tutti, e impegna la repubblica a rimuovere gli ostacoli che possono limitare il diritto all’istruzione. Già dagli anni settanta del Novecento la legislazione scolastica in tema di “integrazione scolastica” pone il nostro Paese all’avanguardia nel panorama internazionale rispetto all’inserimento nella scuola comune delle allieve e degli allievi disabili. Per qualcuno fu considerato allora “un salto

nel buio” ma oggi è diffusa la consapevolezza da parte delle famiglie e degli operatori scolastici che la frequenza con i coetanei favorisce sia la maturazione psico-affettiva e relazionale sia l’acquisizione di apprendimenti utili alla formazione globale del futuro cittadino.

Il ruolo del collegio dei docenti

In questa fase di avvio dell’anno scolastico, il collegio dei docenti, tra i diversi adempimenti previsti, deve costituire il Gruppo di Lavoro per l’Inclusione (GLI), coordinato dal Dirigente Scolastico, o da un suo delegato, che si deve occupare di:

  • fornire consulenza e supporto ai docenti rispetto ai temi dell’inclusione;
  • effettuare un’autoanalisi d’istituto per valutare il grado di inclusività della scuola;
  • elaborare il Piano per l’Inclusività (PI);
  • pianificare un utilizzo funzionale delle risorse presenti nella scuola (ausili e supporti didattici);
  • fornire linee guida ai team docenti per la progettazione educativo-didattica;
  • raccogliere e documentare buone pratiche didattiche.

Il GLI non si occupa solo degli alunni disabili ma di tutti quelli che manifestano bisogni educativi speciali (BES): 1) con Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA) certificato; 2) con svantaggio socio-culturale e ritardo negli apprendimenti e, quindi, a rischio dispersione scolastica; 3) stranieri che non parlano la lingua italiana; 4) altri casi che i consigli possono individuare secondo una valutazione pedagogica.

In questi casi è prevista l’elaborazione di un Piano Didattico Personalizzato (PDP), che per gli alunni con DSA certificato è obbligatorio per legge.

Il Piano per l’Inclusione

Il Piano per l’inclusione (PI) è formulato dal GLI ed è deliberato dal Collegio dei Docenti e non va “inteso come un ulteriore adempimento burocratico. È un’ipotesi globale di utilizzo funzionale delle risorse specifiche, istituzionali e non, per incrementare il livello di inclusività generale della scuola…” (C.M. n.8 del 6 marzo 2013).

Il Piano per l’Inclusione ha lo scopo di:

  • consentire una riflessione collegiale sulle modalità educative e sui metodi di insegnamento adottati nella scuola, arrivando a scelte basate sull’efficacia dei risultati in termini di apprendimento e di maturazione di tutti gli alunni con BES;
  • fornire criteri educativi condivisi con le famiglie al fine di promuovere la collaborazione attiva di tutta la comunità educante;
  • definire protocolli per il monitoraggio e la valutazione dell’efficacia degli interventi educativi e didattici;
  • di individuare i criteri per la stesura dei piani personalizzati, per la loro valutazione ed eventuale adattamento
  • di definire le responsabilità dei vari attori del processo (dirigente scolastico, docenti referenti, docenti di classe, docenti di sostegno, educatori, insegnanti tecnico-pratici, personale ATA, ecc. e delle collaborazioni interistituzionali (ASL, Ente Locale, privato sociale, ecc.).

Il D.Lgs 66/2017, con le modifiche apportate dal successivo D.Lgs. 96/2019, e il nuovo modello nazionale di PEI (Decreto interministeriale n. 182 del 29 dicembre 2020) rappresentano gli interventi normativi più recenti e riaffermano il ruolo della “comunità educante” e la necessità di fare sinergia tra i diversi attori che operano e intervengono per favorire l’inclusione.

Visualizzazioni totali 67 , Visualizzazioni oggi 2 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *