martedì, 19 Gennaio, 2021
Home Articoli CONGEDO PARENTALE

CONGEDO PARENTALE

Per i lavoratori della scuola, cioè nel caso in cui il genitore sia un insegnante, occorre produrre richiesta al dirigente scolastico, con i limiti di preavviso previsti dalla normativa vigente.
Tale normativa è stata modificata nel 2015, con il Decreto legislativo n° 85. Questo provvedimento all’articolo n° 7 comma 1 ha corretto la vecchia normativa che prevedeva in 15 giorni il termine di preavviso. Il Decreto 85/2015 ha previsto testualmente che “il genitore è tenuto, salvo casi di oggettiva impossibilità, a preavvisare il datore di lavoro secondo le modalità e i criteri definiti dai contratti collettivi e, comunque, con un termine di preavviso non inferiore a cinque giorni indicando l’inizio e la fine del periodo di congedo”.
Un termine di preavviso di 5 giorni che però è suscettibile di deroghe perché il Ministero del lavoro con l’interpello n° 13 del 2016 ha delegato ai CCNL di settore la decisione su eventuali diverse scadenze di questi adempimenti in capo al lavoratore che deve assentarsi dal lavoro per congedo parentale.
Per questo il Contratto collettivo del comparto stabilisce che “in presenza di particolari e comprovate situazioni personali che rendano impossibile il rispetto della disciplina prevista, la domanda può essere presentata entro le 48 ore precedenti l’inizio del periodo di astensione dal lavoro”.
✔️Retribuzione durante il congedo
Anche il trattamento economico durante il congedo parentale ha avuto bisogno di chiarimenti. In questo caso è stata l’Aran (Agenzia Rappresentanza Negoziale Pubbliche Amministrazioni) a chiarire che i primi 30 giorni di congedo parentale sono retribuiti per intero solo se a fruirli è il genitore di un bambino al di sotto dei 6 anni di età.
Se la richiesta di congedo riguarda un figlio sopra i 6 anni e fino ad 8 anni di età, il 100% della retribuzione spetta solo per chi rispetta i limiti reddituali previsti dalla normativa vigente, cioè chi ha un reddito entro le 2,5 volte il trattamento minimo della pensione in regime di Ago. Per il congedo parentale dopo l’ottavo anno del bambino non spetta alcuna retribuzione, a meno che non si rientri nel limite di reddito prima citato. In tal caso al genitore in congedo spetta il 30% della retribuzione a partire dal secondo mese di congedo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

PRIORITÀ ALLA SCUOLA!

PRIORITÀ ALLA SCUOLA! In questi giorni in virtù della ripresa della scuola, abbiamo assistito in alcune piazze d’Italia a varie manifestazioni di protesta da parte...

DISAPPUNTO

In qualità di responsabile sindacale e presidente del sindacato "Adesso scuola" sento il dovere di esprimere il mio completo disappunto in merito al teatrino...

I VERI PROTAGONISTI

I VERI PROTAGONISTI.. Durante questi mesi duri e sofferti per la scuola italiana che si è ritrovata ad affrontare tante difficoltà sotto tutti i punti...

SUPPLENZE SU POSTI VACANTI

SUPPLENZE SU POSTI VACANTI, COSA SUCCEDERÀ DOPO IL 31 DICEMBRE 2020? Sono tanti i docenti che chiedono cosa accadrà dopo il 31 dicembre 2020 per...

Recent Comments